Belleville al Circolino. Tre workshop di scrittura a Bergamo – Belleville News

Belleville al Circolino. Tre workshop di scrittura a Bergamo

Il 28 e 29 maggio 2022, nella sala Civica Sant’Agata presso Il Circolino, prende il via la collaborazione tra Belleville e la Cooperativa Città Alta di Bergamo, che dal 1981 si dedica a progetti in campo assistenziale, culturale, educativo e creativo per ridare vigore e consapevolezza al tessuto sociale di Città Alta.

In attesa dei corsi in presenza in programma per l’autunno 2022 – i primi nella storia di Belleville a svolgersi fuori Milano – la Scuola organizza un ciclo di workshop di scrittura gratuiti: tre percorsi diversi e complementari, per andare a caccia di storie e familiarizzare con le tecniche narrative.

Sabato 28 maggio (10.30-13; 15-17.30) e domenica 29 maggio (15-17.30): “Scrivere coi piedi: un’esperienza psicogeografica” con Gianni Biondillo

Secondo un equivoco molto diffuso, scrivere significa addentrarsi nell’analisi del profondo, di un “io” che parla incessantemente. Ma quell’io è il campo d’azione della psicologia, non della scrittura: gli scrittori raccontano storie. E le storie accadono nel mondo, nella realtà. Per evocare la realtà – persino quella immaginata – occorrono appigli concreti, veri e propri scenari. A questo tema, e a come si possa raccontare un paesaggio, sarà dedicata l’incontro del mattino, mentre nel pomeriggio i partecipanti si metteranno in cammino per intraprendere un’esperienza psicogeografica che fungerà da trampolino e carburante per la scrittura.

I testi prodotti e inviati all’indirizzo [email protected] entro le 12 di domenica 29 maggio, saranno letti e selezionati dalla redazione di Belleville. Quelli giudicati più significativi sotto il profilo didattico saranno analizzati e commentati in classe durante l’incontro del pomeriggio. 

Numero massimo partecipanti: 30.

Occorrente: un Pc portatile, un taccuino, una penna e un paio di scarpe comode.

Sabato 11 giugno (10.30-13; 15-17.30) e domenica 12 giugno (15-17.30): “Dall’immagine all’immaginario: scegli una fotografia, indaga la realtà, costruisci una storia” con Sara Loffredi

Per Giovanni Verga e Émile Zola la fotografia era una grande passione. Alcuni critici ritengono che questo interesse per la “scrittura di luce”, come la fotografia venne definita ai suoi albori, abbia influito sulla poetica dei due grandi autori. Il sabato mattina gli iscritti al workshop esploreranno le caratteristiche e il “funzionamento” della scrittura che pone la realtà al centro del racconto e, sotto la guida della docente, analizzeranno una selezione di immagini storiche. Dopo averne scelte alcune, nel pomeriggio le utilizzeranno come spunto per scrivere un testo, lavorando alla ricostruzione del loro contesto. L’obiettivo è mettere a fuoco da un lato la materia e il perimetro del racconto, dall’altro un metodo funzionale a svilupparlo in modo rigoroso e narrativamente efficace.

I testi prodotti e inviati all’indirizzo [email protected] entro le 12 di domenica 12 giugno, saranno letti e selezionati dalla redazione di Belleville. Quelli giudicati più significativi sotto il profilo didattico saranno analizzati e commentati in classe durante l’incontro del pomeriggio. 

Numero massimo partecipanti: 30.

Occorrente: un Pc portatile (oppure carta e penna). Chi lo desidera può portare una o più fotografie storiche da cui prendere spunto per la scrittura.

Sabato 25 (10.30-13; 15-17.30) e domenica 26 giugno (15-17.30): “I ferri del mestiere: personaggio, dialogo, punto di vista” con Marco Balzano

Come ogni arte creativa, scrivere è questione di talento. Al talento vanno però affiancate l’abilità e la pratica nel maneggiare una serie di “attrezzi” senza i quali sensibilità innata e ispirazione sarebbero armi spuntate. Durante il workshop verranno presi in esame tre decisivi “ferri del mestiere”: il sabato mattina gli iscritti si concentreranno sulle tecniche per la creazione di un personaggio efficace, mentre il pomeriggio sarà dedicato ai dialoghi e alle tecniche per renderli naturali e avvincenti. Nell’incontro della domenica pomeriggio si parlerà dei criteri che governano la costruzione di un punto di vista coerente, esplorando le caratteristiche della scrittura in prima, seconda e terza persona.In ognuna delle tre sessioni, le spiegazioni teoriche si alterneranno a esercitazioni pratiche e alla lettura di brani di autori moderni e contemporanei. A turno, i partecipanti leggeranno i loro elaborati che verranno commentati dal docente.

Numero massimo partecipanti: 30.

Occorrente: un Pc portatile (oppure carta e penna).

I posti sono limitati: per iscriversi scrivere a [email protected].

Cooperativa Città Alta è un’impresa sociale senza scopo di lucro nata a Bergamo nel 1981 con l’obiettivo di ridare vigore e consapevolezza al tessuto sociale del quartiere, indebolito dalla trasformazione edilizia e dall’esodo dei residenti. Nel 2017 – a seguito di un ambizioso progetto di recupero e valorizzazione degli spazi dell’ex chiesa di Sant’Agata, la Cooperativa ne ha ottenuto la gestione fino al 2067. Nato come Centro di aggregazione per anziani senza l’obbligo della consumazione, il locale Il Circolino, creatura della Cooperativa, mantiene salda la propria funzione sociale anche attraverso l’attivazione di inserimenti lavorativi e di tirocini risocializzanti per persone in difficoltà.

Commenta con Facebook

Share via
Copy link
Powered by Social Snap