“Le cose di Benni”, esordio di Gianmarco Perale – Belleville News

“Le cose di Benni”, esordio di Gianmarco Perale

“Le cose di Benni”, esordio di Gianmarco Perale
«Una storia d’amore in cui l’altro non è che la parte buia di se stessi. Straziare più coi silenzi che con le parole è il segno di un talento vero.» Walter Siti

Il 19 gennaio è uscito in libreria Le cose di Benni, edito da Rizzoli, opera prima di Gianmarco Perale. Gianmarco è un ex allievo della Scuola di scrittura Belleville, e lo scrittore Walter Siti sarà al suo fianco nell’evento di presentazione, che si terrà in diretta sulla nostra pagina Facebook giovedì 21 gennaio.

Mentre Milano è avvolta dal freddo, due ragazzi dividono un sacco a pelo nascosti sotto il letto e scrivono sulle doghe le canzoni di Dalla. In un angolo un pastore tedesco se ne sta accucciato a guardarli. Lui è Falco e loro sono Drago e Benni. Sono cresciuti insieme guardando il cielo in quella stanza e sono inseparabili. Ma un giorno il futuro bussa alla porta e Benni, la persona con cui Drago ha condiviso tutto, quella che pensava di conoscere più di ogni altra, e forse di amare, gli sembra all’improvviso una sconosciuta. E quando la rabbia e l’autolesionismo di lei deflagrano come una bomba, Drago è costretto a fare i conti con una realtà in cui il bene e il male, l’amore e la violenza, si confondono e si fondono senza regole. E nel momento più difficile dovrà decidere se allontanarsi da lei per salvarla. E salvare se stesso.


> In attesa di leggerlo, ne proponiamo un estratto.

Il campanello mi ha svegliato alle 4:00. Quando ho aperto, Benni mi ha tirato uno schiaffo fortissimo, è entrata e ha chiuso la porta.

«Sono stanca. Lo capisci?» ha detto.
La parte sinistra della faccia mi bruciava.
«Devi smetterla. Basta.»
«Mi hai fatto male.»
Ha provato a colpirmi di nuovo, ma ho abbassato la testa. Poi ancora, e questa volta mi ha preso. Sono andato indietro e lei è venuta avanti.
«Non sei nessuno. Lo capisci?»
Silenzio.
«Cosa hai detto a Yuri?» ha detto.
«Perché?»
«Cosa gli hai detto?»
«Non so. Cosa ti ha detto?»
«Dimmelo tu.»
Eravamo a mezzo metro.
«Gli ho detto che stai male.»
«Perché?»
«Perché è vero.»
«E chi lo dice?»
Silenzio ancora.
«Lo dici tu? Tu, lo dici?»
«Lo dice il tuo diario. L’ho visto.»
«E cosa hai visto?»
Ha alzato il braccio, e ho fatto un passo indietro. Il rubinetto della cucina gocciolava.
«Una frase?» ha detto.
«È una frase grossa.»
«È una frase, e basta. L’ho scritta a caso.»
«Non credo.»
Di scatto è venuta avanti e mi ha tirato un calcio sullo stinco, e poi due pugni sulla testa. Ho tirato su le braccia, ma ormai mi aveva beccato sul naso.
«Sono cose mie. È la mia vita.»
Ho controllato se perdevo sangue. Poi ho detto:
«Non voglio che tu ti faccia male. Okay?».
«Sei tu che mi fai male. Lo capisci, questo?»
«Sei tu che ti tagli i polsi. Non io.»
Mi è arrivata una raffica di pugni e calci. Mi ha spinto ancora e ha detto: «Ce l’hai una vita?».
Non ho risposto.
«Non ce l’hai. Giusto?»
Silenzio.
«Perché sei uno sfigato. Devi farti una vita tua.»
Era paonazza.
«Trovati una ragazza. Scopa. Vai a troie. Lasciami stare. Ce la fai?»
«E l’altra sera?»
«L’altra sera cosa?»
«A letto.»
Si è messa a ridere.
«Perché ridi?»
«Cosa pensi sia successo?»
Non ho risposto.
«Ti ho toccato l’uccello. E quindi?»
«Anche io ti ho toccata.»
«Bene. E quindi?»
Sorrideva e si guardava intorno.
«Cosa vuoi da me?» ha detto.
Il naso cominciava a farmi male.
«Tu cosa vuoi?» ho detto.
«Non voglio niente.»
«Non credo.»
«Te lo assicuro. Voglio che mi lasci in pace.»
Siamo rimasti a guardarci. Poi si è girata verso la porta e ha messo la mano sulla maniglia.
«Lasciami in pace. Okay?»
«Perché?»
Mi guardava e non diceva niente.
«Non ti posso più chiamare?» ho detto.
«No.»
«Per sapere come stai. Posso?»
Ha aperto la porta ed è entrato il freddo dalle scale.
«Lasciami in pace. Ti prego.»
Silenzio. È rimasta di spalle per qualche secondo, poi è uscita e ha chiuso la porta.

Gianmarco Perale

Gianmarco Perale (1988) vive a Milano, dove ha frequentato la scuola di scrittura Belleville.

“Le cose di Benni”, esordio di Gianmarco Perale

Commenta

Your email address will not be published.

Commenta con Facebook

Share via
Copy link
Powered by Social Snap